CNEUS NAEVIUS - BELLUM POENICUM

BIBLIOGRAFIA:

MOREL W., Fragmenta poetarum Latinorum epicorum et lyricorum, Lipsiae 1927

NAEVIUS POETA, Introd. bibliografica, testo dei frammenti e commento di ENZO V.MARMORALE, pp. 1-268, Firenze 1950

MARIOTTI S., Il Bellum Poenicum e l'arte di Nevio, Saggio con ediz.dei frammenti del bellum Poenicum, "Studi e saggi", Roma 1955.

NAEVIUS, Belli Punici carminis quae supersunt, edidit WLADISLAW STRZELECKI, Lipsiae in aedibus B.G.Teubneri MCMLXIV

 

KLOTZ A., Zu Naevius' Bellum Punicum, in Rhein.Mus. 87 (1938), pp.190-192

DE GRAFF Th.B., Naevian studies New York 1931

ROWELL H.T., The original form of Naevius' bellum punicum in Am.journ.of philol. 68 1947 p.21 sgg.

STRELECKI L., De Naeviano Belli Punici carmine quaestiones selectae ,in Polska Akd.Umiejetnosci 65,2, Cracovia 1935

MARX F., Naevius, in Berich.Sächs.Ges.d.Wiss. 63 (1911).

 

Numero complessivo frammenti: edizioni
            MOREL 63  MARMORALE 65  STRZELECKI 65 UTET 59

 

Epitafio di Cn. Nevius (in Aulo Gellio I, 24, 2; versi saturni):

immortales mortales   si foret fas flere
flerent divae Camenae   Naevium poetam
Itaque postquam est Orcho  traditus thesauro
obliti sunt Romae   loquier lingua Latina.

CN. NAEVII    BELLI PUNICI CARMINIS   quae supersunt edidit WLADYSLAW STRZELECKI - Lipsiae in aedibus B.G.Teubneri MCMLXIV

 

N°frammento= Strzelecki.

Con * (asterisco) i frammenti tramandati senza numero di libro. Tra parentesi quadre [ ] il corrispondente  numero dell'edizione Morel (Lipsiae 1927), tra < > l'ed. Marmorale (Firenze 1950). L’ultimo in grassetto della serie della riga, senza null’altro, è l’ed. UTET: il testo in grassetto è ciò che ivi viene esplicato.


LIBER I

1 *[ 1] < 1> 1 Novem Iovis concordes filiae sorores

2 *[31] < 3> 44 Scopas atque verbenas sagmina sumpserunt

3  [32] < 4> 2                        Manius Valerius
   consulem partem exerciti in expeditionem
   ducit

4  [19] < 7> 5 Inerant signa expressa, quo modo Titani,
   bicorpores Gigantes magnique Atlantes
   Runcus ac Purpureus, filii Terras

5 *[ 4] < 8> 6                        amborum uxores
   noctu Troiad axibant capitibus opertis
   flentes ambae, abeuntes, lacrimis cum multis

6  [ 5] <10> 7 eorum sectam sequuntur multi mortales ...
   multi alii e Troia strenui viri ...
   ubi foras cum auro illi<n>c exibant
7 *[11] <11> 8 novam .tamen rem Naevius bello Punico dicit, unam navem habuisse Aeneam, quam Mercurius fecerit.

8 *[28] <12> 45 res divas [dinas] edicit, praedicit castus

9 *[13a] <13> 13 N<a>evius ... dicit Venerem libros futura continentes Anchis<a>e dedisse

10*[12] <14> 15 Senex fretus pietati deum adlocutus
   summi deum regis fratrem Neptunum
   regnatorem marum

11 [21] <15> 20 Silvicolae homines bellique inertes

12*[18] <29> 17 LACT.Div.inst.1,6,9:    quartam (scil.Sibyllam) Cimmeriam in Italia,
   quam Naevius in libris belli Punici, Piso in annalibus [fr.41 P.] nominet.

13 [17] < 9> 18 SERV. DAN. ad Aen.9,712 (p.374 Th.): Prochyta ... ]
  
... hanc Naevius in primo belli Punici de cognata Aeneae nomen accepisse dicit.

14 [13] <16> 9 MACROB.Sat.6,2,31: [sunt alii loci plurimorum versuum, quos Maro in opus suum cum paucorum immutatione verborum a veteribus transtulit… 31] In principio [primo] Aeneidos tempestas describitur et Venus apud Iovem queritur de periculis filii et Iuppiter eam de futurorum prosperitate solatur. hic locus totus sumptus a Naevio est ex primo libro Belli Punici. illic enim aeque Venus Troianis tempestate laborantibus cum Iove queritur et secuntur verba Iovis filiam consolantis [consolantibus] spe futurorum.

15*[16] <17> 14 SERV. DANT. ad Aen.1,198 (p.77 Th.): O socii] (neque enim ignari sumus ante malorum), o passi graviora, dabit deuus his quoque finem. | Vos et Scyllaeam rabiem penitusque sonantis | accestis scopulos, vos et Cyclopia saxa | experti: revocate animos maestumque timorem | mittite; forsan et haec olim meminisse iuvabit. | Per varios casus, per tot discrimina rerum | tendimus in Latium, sedes ubi fata quietas | ostendunt; illic fas regna resurgere Troiae. | Durate et vosmet rebus servate secundis>>)

...[ et totus hic locus de Naevio (Naevii commendat Thilo, de Naevi I° Baehrens) belli Punici libro tranlatus est.

16  [20] <18> 12 Ei venit in mentem hominum fortunas

17*[14] <19> 10 patrem suum supremum optumum appellat

18*[15] <20> 11 Summe deum regnator, quianam <me> genus <od>isti?

LIBER II

19 [29] <21> 22 Prima incedit Cereris Proserpina puer

20 [30] <22> 23 dein pollens sagittis inclutus aequitenens
   sanctus Iove progratus Pythius [Putius] Apollo

21*[ 6] <23> 16 SERV.DAN.ad Aen.4,9 (p.462 Th.): Anna soror]
   cuius filiae fuerint Anna et Dido, Naevius dicit

22*[10] <24> 54inc. pulcraque <vasa> ex auro vestemque citrosam

23 [23] <28> 21 blande et docte percontat, Aenea quo pacto
   Troiam urbem liquerit

24 [22] <30> 19 Iamque eius mentem fortuna fecerat quietem.

LIBER III

25 [ 3] <31> 24 Postquam avem aspexit in templo Anchisa,
   sacra in mensa penatium ordine ponuntur;
   immolabat auream victimam pulcram.

26 [24] <32> 25 manusque[1] susum ad caelum sustulit suas rex
   Amulius divis<que> gratulabatur

27*[25] <33> 26 SERV.DAN.ad Aen.1,273 (p.101 Th.): Donec regina sacerdos] ...
   Naevius et Ennius Aeneae ex filia nepotem Romulum conditorem urbis tradunt.

28*[27] <34> 28 VARRO de lingua Lat.5,53: Eundem hunc locum (Palatium scil.) a pecore dictum putant quidam; itaque N<a>evius "Balatium" appellat.

29*[26] <35> 27 VARRO de lingua Lat.5.43: Aventinum aliquot de causis dicunt. N<a>evius ab avibus, quod eo se ab Tiberi ferrent aves ...

LIBER IV

30*[37] <38> 30 FEST.162a O.M. (156 L.): <Navali corona> ... _ _ _ _
   Atillus bel<lo> _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ tum est in car<mine> _ _

30 [navali corona solet donari qui pri>mus in hostium <navem armetus transilierit… primus eam accepit… C> Atilius bel<lo Punico primo, ut a Naevio narra>tum est in car<mine belli Punici>

31*[38] <39> 31 PRISC. G.L.K. II 249,3 : "hic" et "haec Samnis huius Samnitis" ... huius neutrum Naevius (Neuius aliquot libri) Samnite protulit in carmine belli Punici. ibd.338,2 : Naevius (Neuius libri) neutraliter "hoc Samnite" protulit in carmine belli Punici.

32 [39] <40> 32                          transit Melitam
   Romanus exercitus, insulam integram urit,
   populatur, vastat, rem hostium concinnat.

33 [35] <36> 35 simul atrocia proicerent [porricerent] ext[r]a ministratores

34 [36] <37> 29 virum [visum] praetor adveneit [adveniet], auspicat auspicium
   prosperum

35 [40] <41> 33 eam carnem victoribus danunt ...  (dant)

36 [41] <42> 34 vicissatim volvi victoriam ...

LIBER V

-

(Edizione MARMORALE, pp.252-253 :

  [42] <43> vedere 46 nei FRAGMENTA INCERTAE SEDIS

  [43] <44> vedere 47 nei FRAGMENTA INCERTAE SEDIS)

LIBER VI

37 [45] <47> 37 superbiter contem[p]tim conterit legiones

38 [47] <49> 39 Convenit, regnum simul atque locos ut haberent  ( _U_ _ _ U_||_U_UU_ _ )[2]

39 [48] <50> 40 séptimùm decimum ànnum || ilico sedent      (in eo loco)

                         _  U_ |  _ U

40 [44] <45> 36 censet eo venturum || òbviàm Poènum

 

(fr.63 Baeherens <46> fato Metelli Romae   fiunt consules.)

LIBER VII

41*[46] <48> 38 [h] onerariae [h] onustae stabant in flustris

42*[49] <51> 41 Sicilienses paciscit obsides ut reddant     (paciscunt)

43 [50] <52> 42 id quoque paciscunt, + moenia sint[3] quae
   Lutatium reconciliant captivos plurimos +   (paciscuntur)

    (Lindsay:
   idem quoque paciscunt moenia, simulque
   Lutatio reconciliant captivos plurimos)

44*[ 2] < 2> 43inc. GELL. N.A.17,21,45 : ... eodemque anno [scil.519 ab U.c.= 235 a.C.] Cn.Naevius poe***ta fabulas apud
   populum dedit, quem M.Varro in libro de poe***tis primo stipendia fecisse ait bello Poenico primo idque ipsum Naevium dicere in eo carmine, quod de eodem bello scripsit.

FRAGMENTA INCERTAE SEDIS

45 [33] < 5> 3  Fames acer augescit hostibus ...

46 [42] <43> 46 seseque ei[4] perire mavolunt ibidem
   quam cum stupro redire ad suos popularis   (turpitudine)

47 [43] <44> 47 sin illos deserant fortissimos viros,
   magnum stuprum populo || fìerì per gèntis [gentes]

48 [51] <53> 52 magnam domum decoremque || dìtem vèxerànt

49 [54] <56> 49 plerique omnes subiguntur sub unum[5] iudicium

50 [55] <57> 55 quod bruti nec satis sardare queunt     (intellegere)

51 [56] <59> 58 GELL. N.A.5,12,7 : "Lucetium" [autem] ... Iovem Cn.Naevius in libris belli Poenici appellat.

52 [58] <61> 57 nemut _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ aerumnas.  (nisi etiam/nempe)

53 [57] <60>  FEST.262a O.M. (316 L.): <runa> _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
   nas _ _ _ a re _ _ _ _ _ _ _ _ Naevi<us> _ _ _ _ unt.
   PAVL.263 O.M. (317 L.): runa genus teli significat. Ennius: "runata recedit", id est proeliata.
   (Lindsay:
   <runas spicula, genus teli, esse, alii pug>nas
   <significari credunt, cum dicat Ennius:"runat>a re-
   <cedit", id est proeliata vel spicula iaculata>.Naevi-
   <us Belli Punici carmine> - - - - - - - unt.)

54 [ 7] <25> 53 ferunt pulcras creterras, aureas lepistas     (pateras,crateras)

55 [52] <54> 50 simul alius aliunde rumitant inter se

56 [ 9] <27>  FEST.310a O.M. (406 L.):         ... <sup>parum puni _ _ _
   _ _ _ _ _ _ cat Neui de <bello Puni>co. et in Nautis _ _ _
   _ _ _ _ _ _
   (Scaliger et Ursinus:
   <sup>parum puni<ceum vestimentum ita vo>cat Naevius de <bello Puni>co.

57 [53] <55> 51 magnae metus tumultus pectora possidit

58 [- ] <- >  cum tu arquitenens, sagittis pollens Dea<na>

59 [Liv.39] <64>[6] 48 ... <topper> capesset flamma[m] Volcani     (cito,celeriter)

60 [63] <58> 56                                 atque prius pariet
   lucusta[m] Lucam bovem           (Lucas[Lucania]=boves Lucae=elephantes)(Luca bos=elephas, VARR.,l.L. VII,39.)

FRAGMENTA INCERTA

61 [ 8] <26>  GLOSS.PHILOX. AN39 (Gl.L.II p.147): angla oyes: tràpezai trìyonoi, os Néßios, cf. PAVL.11 O.M. (10 L.):
   anclabris mensa ministeriis aptata divinis. <Naevius...> (suppl.Lindsay2).

62 [61] <65>  quam liquidum _ _ _ _ _ _ _ _ amnem

63 [59] <62>  PAVL.20 O.M. (18 L.): Aenesi dicti sunt comites Aeneae.

64 [60] <63>  PAVL.20 O.M. (18 L.): Aenariam appellavere locum, ubi Aeneas classem a Troia veniens appulit. cf. ISID. SCHOL.:
   Aenaria, quod ibi Aeneas classem appulerit appellata.

65 [- ] <- >  PAVL.20 O.M. (18 L.): aerosam appellaverunt antiqui insulam Cyprum, quod in ea plurimum aeris nascatur. cf. GLOSS.CYRILL. (=Philox.): aerosus: polùkalkos, antiqui.

FRAGMENTA FALSO ADSCRIPTA

66 [34] < 6> 4 apud emporium in campo hostium pro moene

67 [- ] <- >  Conferre queant ratem aeratam
   qui per liquidum mare sudantes
   eunt atque sedentes

FRAMMENTI DELLA GUERRA PUNICA - BELLI POENICI RELIQUIAE

E LIBRO I  - DAL LIBRO I

1 Nove figlie di Giove, unanimi sorelle

2 Il console Manio Valerio guida nella spedizione una parte dell’esercito

3 aumenta ai nemici la fame acuta

4 presso l’emporio, nel campo avanti le mura dei nemici

5 V’erano scolpite delle figure come Titani, Giganti dalla duplice natura e grandi atlanti, rinco e purpureo, figli della Terra

6 le mogli di ambedue uscivano di notte da Troia col capo coperto, ambedue in lacrime, partendo in un profluvio di pianto.

7 seguono il loro esempio molti uomini, molti altri valorosi eroi (che fuggivano) da Troia. Quando di lì uscivano, portando seco molti oggetti d’oro…

8 Serv.Auct.in Aen.I,170. Tuttavia un particolare nuovo dà nevio ne La guerra punica, che Enea aveva una [7] nave costruita da Mercurio.

9 Macr. Sat. VI,2,30. Vi sono altri passi di moltissimi versi che (Virgilio [8]) Marone trasportò nella sua opera da quelle degli antichi con mutamenti di poche parole… Nel primo dell’Eneide viene descritta una empesta: Venere si lamenta con Giove dei pericoli che corre suo figlio e Giove la consola parlandole delle sue future fortune. Questo passo è interamente preso dal primo libro de La guerra Punica di Nevio. Anche lì, infatti, ugualmente Venere si lamenta con Giove della tempesta da cui sono travagliati i Troiani e seguono le parole di Giove che consola la figlia con la speranza del futuro.

10 Chiama suo padre supremo, ottimo (dio) .

11 Sommo re degli dei, perché mai mi generasti (così in odio ai fati?)

12 E gli venne in mente la loro disgraziata sorte.

13 SCHOL. in Verg.Aen. VII, 122 seg. [dal codice Parigino Latino 7930, del sec. XI]. Nevio... dice che Venere dette ad Anchise i libri contenenti il futuro, onde < reliquit> o significa <mandavit> (<affidò>) o significa < libros reliquit> (<lasciò i libri >) che contenevano i responsi.

14 SERV. AUCT., in Aen., I, I98 [O compagni (nè siamo immemori dei mali passati), o voi che avete sofferto  peggiori avversità, un dio darà fine anche a questi travagli. Voi avete visto da vicino la rabbia di Scilla e avete rasentato gli scogli profondamente risonanti, voi conoscete per esperienza i massi dei Ciclopi: su, via, coraggio, e abbandonate la paura che vi affligge l’animo: forse un giorno piacerà ricordare anche queste cose. Attraverso varie vicende e tante situazioni critiche i fati ci additano una quieta residenza; là è volere divino che risorga il regno di Troia. Resistete c riservate voi stessi a un avvenire felice>>]. Anche questo passo è stato ripreso per intero dal libro di Nevio su La guerra punica.

15 Il vecchio, forte della sua pietà, invocò il dio fratello del re degli: dèi, Nettuno signore dei mari.

16 SERV. AUCT., in Aen. IV, 9. Nevio dice di chi erano figlie Anna e Didone.

17 VARRONE, Antichità divine, presso LATTANZIO, Div. Inst. I,6,9 [= fr. 56a Card.]. La quarta sibilla in Italia (egli dice essere) quella Cimmeria, che Nevio nomina nei libri de La guerra punica, Pisone negli Annali [fr. 41 P2].

18 SERV. AUCT., in Aen. IX, I72 Nevio nel primo libro de La guerra punica dice che questa [cioe l’isola di Procida] prese il nome dalla cognata di Enea.

19 e già la sua buona fortuna aveva reso tranquillo l’animo dell’eroe.

20 abitatori delle selve, uomini non dediti alla guerra

DAL LIBRO II

21 Con parole invitanti e accorte domanda in qual modo Enea abbia lasciato Troia

22 Per prima avanza la figlia di Cerere, Proserpina

23 poi il sagittipotente, l’inclito signore dell’arco, santo figlio di Giove, Apollo Pizio

DAL LIBRO III

24 Dopo che Anchise ebbe osservato nello spazio del cielo il volo degli uccelli, vengono posti in ordine i sacri vasi sull’ara dei Penati; immolava una vittima, bella, dorata.

25 I1 re Amulio levò in alto al cielo le mani e rendeva grazie agli dei.

26 SERV. AUCT., in Aen. I, 273. Nevio ed Ennio tramandano che Romolo, fondatore della città, era nipote di Enea per parte della figlia di lui.

27 VARRONE, de 1ingua Latina V, 7, 43. L’ Aventino si chiamava così per diversi motivi. Nevio dice che viene da aves [uccelli] perchè là gli uccelli si portavano dal Tevere.

28 Ib. V, 8, 53. Questo medesimo luogo (cioè Palatium [i1 Palatino]) alcuni pensano che sia chiamato così dal bestiame; pertanto Nevio lo chiama Balatium.

DAL LIBRO IV

29 sopraggiunge il pretore a ispezionare, trae un auspicio favorevole.

30 FEST. I56 L. Suole essere insignito della corona navale colui che per primo sia balzato con le armi su di una nave dei nemici... Per primo la ricevette C. Atilio nella prima guerra punica, come è narrato da Nevio nel suo carme La guerra Punica.

31 PRISC. I, 249 H. Di questa parola [cioè Samnis, -itis] Nevio nel carme La guerra punica ha creato il neutro Samnite. - Ib. 338 Nevio nel carme La guerra punica ha creato la forma: Samnite.

32 L’esercito romano sbarca a Malta, mette a fuoco, saccheggia, devasta tutta l’isola, e accatasta le ricchezze tolte ai nemici.

33 ...quella carne distribuiscono ai vincitori.

34 che la vittoria si volge ora da una parte ora dall’altra

35 che nello stesso tempo gli inservienti gettassero (in mare)

le viscere sanguinanti

DAL LIBRO VI

36 Pensa che là gli sarebbe venuto contro il Cartaginese.

37 Con alterigia e con disprezzo opprime le legioni.

38 Le navi da trasporto, cariche, stavano ferme nella bonaccia.

39 Si convenne che (Gerone) mantenesse il regno e insieme i luoghi.

40 già da sedici anni si trovano lì.

DAL LIBRO VII

41 Si conviene che restituiscano i prigionieri siciliani.

42 Anche su questo convengono: donativi a un tempo che riconcilino l’animo di Lutazio, moltissimi prigionieri... [9] 

FRAMMENTI DI SEDE INCERTA

43 GELLIO XVII, 21, 45. Nello stesso anno [cioè nel 519 daIla fondazione di Roma= 253 avanti Cristo] il poeta Gneo Nevio cominciò a rappresentare commedie davanti al popolo romano. Marco Varrone nel primo libro dell’opera Sui poeti [fr. 56 Fun.] afferma che egli fece il soldato durante la prima guerra punica, come afferma lo stesso Nevio nel carme da lui composto sulla medesima guerra.

44 presero ramoscelli e sacri ciuffi di verbena [10]

45 indìce i riti divini e prescrive le astinenze

46 Ed essi preferiscono morire sul medesimo posto, piuttosto che ritomare con vergogna in mezzo ai loro concittadini.

47 Se quelli, che sono valorosissimi combattenti, vengono abbandonati, una grande vergogna ne verrà al popolo (romano), in mezzo a tutte le genti [11]

48 rapidamente prenderà il fuoco di Vulcano

49 i più o tutti sono posti sotto la sua potestà

50 nello stesso tempo chi da una parte chi da un’altra fanno correre voci fra di loro

51 Il tumultuare di una grande paura invade gli animi

52 Avevano saccheggiato una casa grande e bella, ricca

53 portano bei vasi, auree coppe

54 e bei vasi d’oro e vesti profumate

55 che gli stupidi come le bestie né riescono abbastanza a comprendere...

56 e prima una locusta partorirà un elefante...

57 certamente... gli affanni

58 GELLIO V, I2, 7. Da Gneo Nevio poi, nei libri de La Guerra punica Giove è chiamato Lucezio.

59 FEST. 37, 4 L. (sotto la paro)la Sublicium Pontem). E se ne ricorda Nevio che nel libro de La guerra punica dice: <<quanto scorrevole... fiume>> e in un altro punto...(VARRO de l.Lat.7,23: ratis navis longa<s> (longa cod., corr.C.O.Müller) dixit, ut N<a>evius cum ait: "conferreque aut ... sedentes". ratis dicta navis longa propter remos, quod hi, cum per aquam sublati sunt dextra et sinistra, duas rates efficere videntur ...)

 



[1] Isque susum… UTET

[2] scansione esametrica puramente casuale: è un saturnio. Strzelecki:                                
                                                                                                                     
_ _ _ _ _ U_||_U_UU_ _

[3][3] sint=simul in UTET

[4] ei=i UTET

[5] suum UTET

[6] Il Marmorale riprende da fr.49 Baehrens.

[7] non “una sola” (che non avrebbe contenuto tutti i compagni di Enea- cfr. Strzelecki), ma una nave “speciale”, apposta per lui costruita.

[8] Aen.I 81-123; 229-253; 254-296.

[9] Armistizio dei Cartaginesi con Catulo (ZON. VIII, 17, 4) (Altheim).

[10] La dichiarazione di guerra a Cartagine (Cichorius, cit., pag.26 sgg.) o l’alleanza coi Siracusani (Mariotti, cit., pag.109). PAUL.-FEST 425 L. : sagmina dicebant herbas verbenas, quia ex loco sancto carpebantur legatis proficiscentibus ad foedus faciendum bellumque indicendum.  “A sanciendo, id est confirmando”

[11] FEST. 418 L. L’esercito romano accerchiato presso Camarina (Klussmann) o discussioni per l’aiuto ai Mamertini (H. Fraenkel).